Skip to content
 

Sono il primo pontefice

28 Giugno 1991

Sono il primo pontefice e un uomo semplice che ha avuto il privilegio di guardare ed essere guardato dall’uomo Dio.

“Lascia ogni cosa e seguimi!”

Lunga ed erta la via di chi segue Cristo, anche se dopo avviene a troncarlo il martirio che è gloria, eppure esaltante.

“Lascia ogni cosa e seguimi!”

Ora molti chiamati mal rispondono poiché non lasciano il proprio io, il proprio comodo e perdono i poteri carismatici che i sacerdoti di Cristo dovrebbero avere.

Il sovranaturale non riconoscono, hanno spesso sete di danaro e di fama, hanno pensieri di politica poiché vogliono essere ammirati e non guardano il volto dell’uomo Dio.

“Rabboni, verranno altri a seguirti?”

“Una fila di santi mi seguiranno, voi siete i primi e santi e non, tuttavia per me avete lasciato tutto e tutto avrete poiché chi mi segue lungo la via erta raggiungerà la vetta più alta”

Con la fede tutto si può. Camminai sull’acqua fino a che la fede mi sostenne, fui martire poiché dopo l’incontro con Cristo andando fuori dalla città, Egli mi disse:”Dove vai, perché fuggi?”

Io gli risposi o meglio gli feci la stessa domanda: “Dove vai Signore?”

“A farmi mettere in croce un’altra volta e al posto tuo Simone!”

La terra tremò, la pietra divenne morbida, Egli sparì davanti ai miei occhi e restarono sulla pietra le impronte dei suoi piedi. E questa è verità non leggenda.

“Dove vai Signore?”

Ed Egli a voi risponde: “Vado davanti a voi voltandomi spesso a guardarvi, a darvi forza, a permettere le vostre prove ad esaltarvi per la vostra futura gloria.

E a tutti dico: venite con me!”

Egli vi dice così, e allora di che temere?

Anche tu mio Cefa andrai ancora con Lui. Egli ti sta guardando e tu guardalo, e voi? Andate tutti con Lui, il mondo ha bisogno dei più nascosti per la salvezza, per conoscere Cristo, per guardarlo.

Sono il primo pontefice, pescatore di uomini e fino al prossimo ultimo pontefice seguirò i miei successori e per essi prego.

E voi pregate affinchè siano sempre uomini di Dio e sappiano guardare il volto dell’uomo Dio.