Skip to content
 

Nun te cruccia’ più

26 settembre 1982

Nun te cruccia’ più, caro Fantacone,
fra cause, fra ‘mpicci, lassa fare!
Vivi felice e ‘n pace e po’ perdona,
ché c’è sempre po’ da guadambiare!

E vivi lieto, gòdite ‘a compagnia,
co’ la sposetta tua ch’ è sempre bella.
Bevi er tu’ bon bicchiere;
guarda er Cielo e cerca la tu’ Stella!

In Cielo ce so’ io, tutto contento;
in Cielo ce so’ io, tutto felice.
e nun m’emporta si la gente dice:
”Come mai? Era ‘n biricchino;
passava le serate ‘n trattoria;
beveva puro er vino?”

E artro ancora, che po’ io nun ripeto
pe’ nun pettecola’ sur conto mio!
C’è l’Amore, c’è la Misericordia:
tutte virtù che vengheno dar Bon Dio!

Occore amare, esse’ generosi,
ché li difetti ce l’abbiamo tutti…
Occore, allora, fa’ funziona’ er core
e vivere sereni e in bonumore!

Nun ce pensa’, mi’ caro Fantacone,
a le cause e a tutti quest’impicci.
Si nun ce pensi fai ‘na bon’azzione!
Mó, te saluto; accetta er mi’ consijo;
te so’ fratello, padre e puro fijo!

Pensame quarche vorta, amico mio!
Io porto li saluti tui ar BonDio.

Trilussa