Skip to content
 

Er monumento

Er monumento

Concittadini miei! io v’aringrazio
d’avemme fatto pure er monumento.
Ma! però, ve confesso ch’è ‘no strazio

de stamme notte e giorno
sotto ar sole, sotto la pioggia
e a prenne tanto vento.

Così, ‘na vorta c’era ‘n poveraccio,
che se stava a séde cor giornale
e, tra de sé, ha pensato: meno male

che nun so nessuno! arméno,
doppo morto, me ne starò al riparo.
Che l’ommini famosi, tutti quanti

se pìeno tanta pioggia, tanto vento.
Concittadini! però io so contento
d’esse’ messo tra l’ommini famosi.

Trilussa