Skip to content
 

E chiamato, ho ascoltato

8 gennaio 1984

E chiamato, ho ascoltato
(e fò la rima)
So’ venuto, mentre er cielo
era buio e senza stelle.
Dove so’ annate?
Erano tanto belle,
quanno ‘a sera spuntaveno
brillarelle.
Stelle der firmamento,
ora coperte da nubi nere.
Mò, io chiamo er vento.
Spazza ‘e nubi! vento, vento mio!
Cussì ‘e stelline brilleranno contente.
Io le raccolgo tutte ner cappello
e ve le porgo pe’ favve quest’omaggio.
Ogni stellina un raggio,
ch’ è d’argento.
Eh, vieni vento, vento!
Devo fare ‘n omaggio;
lassame prenne ‘na manciata de stelle…
Pe’ l’amichi che so’ ancora ‘n tera,
pe’ fa le loro sere ‘n po’ più belle..

Trilussa